Prestito con delega di pagamento: caratteristiche e requisiti

In seguito all’estensione del diritto di accesso alla cessione del quinto , oltre che alla platea dei dipendenti pubblici anche a quelli privati ed ai pensionati, si è avuto anche l’allargamento delle possibilità di accesso al prestito con delega di pagamento, anche se con delle restrizioni.

Che cos’è, e le principali differenze dalla cessione

Così come avviene per la cessione del quinto, anche con il prestito con delega si hanno le seguenti condizioni:

  • il rapporto rata reddito non può eccedere un quinto dello stipendio (per cui in aggiunta con quella della cessione in corso si arriva a due quinti complessivi);
  • l’ammontare massimo concedibile dipende: dall’età del richiedente, durata del contratto di finanziamento (che al massimo può arrivare a 120 mensilità) e dall’importo dello stipendio netto mensile del richiedente, il tutto entro la cifra massima che la banca o la finanziaria prevede di erogare (la cifra approssimativa maggiormente usata è rappresentata dai 50 mila euro);
  • coesistenza con le altre trattenute in busta paga, ma fino alla percentuale massima del 50% complessivo, calcolato sempre sullo stipendio netto.

Invece le maggiori differenze rispetto alla cessione sono:

  • impossibilità di richiesta del prestito con delega per i pensionati per la decisione degli enti pensionistici di non concedere una doppia trattenuta sulla pensione ,non vi rientra quindi la convenzione Inps (vedi anche Convenzione Inpdap ), che riguarda solo la cessione della pensione);
  • limitazioni per le dimensioni delle aziende dei dipendenti privati (difficilmente le piccole imprese ottengono la copertura assicurativa per le polizze obbligatorie);
  • limitazione per i dipendenti statali e pubblici nel caso in cui l’amministrazione non ne preveda l’impiego;
    valutazione anche nel merito e non solo sul possesso dei requisiti richiesti da parte della finanziaria;
    possibilità del datore di lavoro di rifiutarla (situazioni non previste con la cessione del quinto).

Esempi

Generalmente le banche e le finanziarie che erogano la cessione del quinto, ammettono anche le richieste di prestito con delega, anche se nella maggior parte dei casi sono adottate delle restrizioni. Degli esempi si hanno con:

  • Findomestic e Bnl, che prevedono accessibilità a dipendenti privati e pubblici (nel caso di convenzioni);
  • Ibl con caratteristiche molto simili a quelle praticate sulla cessione del quinto;
  • finanziarie come Figenpa o Mycredit, molto attive proprio per queste tipologie di prodotti.

Inserito nella categoria: Guida prestiti