Guida pratica alle soluzioni per poter sospendere il mutuo

Con l’entrata in vigore del Decreto Ministeriale nr 37 del 22 Febbraio 2013, il Fondo di solidarietà è andato a “pieno regime”, per cui le modalità di sospensione concessa tramite la moratoria, frutto dell’accordo tra l’Abi e le varie associazioni dei consumatori promotrici dell’iniziativa (con richiesta di sospensione sempre solo per la prima casa) sono state ormai ampiamente superate. Per offrire la possibilità di sospendere il pagamento del mutuo sono state fatte due procedure differenti, a seconda che si tratti di privati o di pmi.

Fondo di Solidarietà per i mutui destinati all’acquisto della prima casa: nessun cambiamento per la sospensione del 2014

Sulle modalità di richiesta di sospensione non c’è sempre molta chiarezza da parte delle banche. Tuttavia quelle che hanno aderito al Fondo, come Unicredit, riportano informazioni esaustive sul proprio sito. In ogni caso la richiesta di sospensione, con dimostrazione del verificarsi delle cause che danno diritto di accesso al Fondo, va rivolta alla propria banca. Può essere fatta solo su un mutuo che grava sull’abitazione principale, per un importo complessivo non superiore ai 250 mila euro, e con il pagamento delle rate regolare da almeno un anno.

Inoltre l’Isee familiare non deve superare i 30 mila euro, e la casa non deve essere di lusso o categoria analoga od ancora superiore. Per ottenere la sospensione si devono verificare cause quali: perdita del posto di lavoro subordinato o cessazione del rapporto di lavoro (per rappresentanti, ecc), oppure morte o invalidità pari o superiore all’80% di uno dei mutuatari.

La durata della sospensione è per un massimo di 18 mesi. La richiesta di sospensione può essere fatta anche da chi ha già usufruito di altre forme di sospensione (sia contemplate nel contratto, che attraverso l’accesso alla moratoria dell’Abi).

Sospensione mutuo per le pmi: proroghe regionali o statali

Per le pmi non c’è stato lo stanziamento di un Fondo come nel caso dei privati, ma ugualmente è stato trovato un accordo che ha permesso alle aziende in difficoltà di ottenere un po di sollievo sospendendo le rate dei mutui e dei finanziamenti (come leasing), per un periodo massimo di 12 mesi. A riguardo è stato sfruttato fino ad ora il meccanismo delle proroghe, che ha portato a spostare la data ultima (a meno di nuove proroghe) dell’accordo al 31 dicembre 2014. Accordo che non contempla solo sospensione, ma anche il meccanismo di allungamento dei piani di rimborso, così da ridurre il peso delle rate attuali.

Per approfondire l’argomento leggi anche: Moratoria mutui, Mancato pagamento del mutuo e Moratoria 2015.


Inserito nella categoria: Moratoria mutui, Pagamento rate mutuo