Come calcolare il Taeg sul mutuo con tasso fisso e variabile, per scegliere il miglior prodotto

Le nuove norme sul credito hanno dato maggiore importanza al Tasso annuale “effettivo” (che non significa reale) globale (in quanto comprende tutte quelle voci di costo che sono direttamente riconducibili alla concessione del prestito), per due ragioni.

La prima è che si tratta di un dato che è facilmente comparabile (vedi anche Broker mutui), il che permette di individuare in modo più semplice il tipo di mutuo o finanziamento più conveniente (che è logicamente quello con Taeg più basso), semplicemente mettendo a paragone il Taeg ad esempio di Unicredit con quello di Mediolanum, ecc.

La seconda è che offre un’idea abbastanza chiara, anche se non precisa, sul costo che complessivamente avrà un mutuo od una richiesta di finanziamento. Spesso viene considerato anche, erroneamente, come il dato a cui riferirsi per vedere se ci si trova in una situazione di usura, ma in questi casi ci si deve riferire al Teg.

Come si calcola il Taeg: formula e tipi di tasso

Esistono dei tool di calcolo online, che permettono di individuare il Taeg in modo abbastanza approssimativo. Infatti la formula del suo calcolo non è molto semplice, e bisogna vere un minimo di dimestichezza con la matematica finanziaria.

Invece, conoscendo i dati necessari si possono inserire in alcuni calcolatori, se si ha il sospetto che il Taeg pubblicizzato non sia accurato (anche se si tratta di una ipotesi ormai molto remota, grazie alla riforma del credito al consumo).

I costi inclusi nel Taeg infatti sono:

  • il Tan (dal quale si parte anche per l’applicazione della formula);
  • oneri e commissioni di gestione pratica, o costi di istruttoria;
  • spese o commissioni di incasso rata;
  • spese di mediazione e di assicurazione e se previsti i costi per esercitare opzioni o cambi di tasso.

Le altre non sono comprese.

Se il calcolo del Taeg serve per fare una comparazione, bisogna sempre ricordarsi che i due mutui devono avere le stesse caratteristiche (vedi ad esempio Caratteristiche mutuo giovani), quindi comparare tasso fisso con tasso fisso di uguale durata e stesso numero di rate (maggiore è il numero e più alto tende ad essere il Taeg). Invece sul calcolo in sé non sussistono formule diverse a seconda che si tratti di tasso fisso o variabile, misto, con opzione, ecc.

Formula del Taeg sul mutuo partendo dal Tan

Se ci si vuole cimentare sul calcolo fai da te, allora si può impiegare la seguente formula:

Dove r(n) rappresenta il tasso nominale effettivo annuo e t il numero della rate annuali.


Inserito nella categoria: Tassi mutui