Un1ka, Fidiamo o Multipremia: guida ai prestiti Fiditalia

Se si è alla ricerca di un finanziamento adatto a situazioni diverse, senza doversi preoccupare di ‘spulciare’ le tipologie adatte ad una categoria specifica in particolare (ad esempio, pensionati, dipendenti, ecc), una valida scelta, soprattutto per varietà di proposte, ma anche per discrete chance di trovare condizioni economiche non eccessivamente onerose, è Fiditalia.

Questa finanziaria, oltre ai prestiti personali, aggiunge la classica cessione del quinto (la sola offerta che non è adattabile agli autonomi), con gli acquisti a rate, il leasing o le carte revolving.

Le caratteristiche principali dell’offerta dei finanziamenti Fiditalia

Tranne la cessione del quinto, passibile forzatamente delle sole “variazioni” dettate dall’essere pensionati piuttosto che dipendenti privati o pubblici (con tassi più agevolati per questi ultimi dotati di un impiego atto a garantire maggiori garanzie), tutte le altre tipologie di prestiti sono accessibili anche a chi è senza busta paga (vedi anche Come ottenere un prestito senza busta paga), come nel caso dei lavoratori autonomi, fermo restando che è sempre richiesta una documentazione certificata reddituale (ad esempio il modello Unico).

Tra l’altro tutti i dipendenti, anche quelli con contratto a tempo determinato, con qualche restrizione, possono aderire alla richiesta di preventivo, per poi procedere con l’iter di avanzamento della pratica di finanziamento.

Tipologie di prestiti personali

La tipologia che lascia maggiore libertà di impiego, rimane il prestito personale, dotato ulteriormente di flessibilità tramite una serie di opzioni come la versione Multipremia che prevede la riduzione del tasso di interesse mano a mano che si rimborsano le rate e si procede verso la conclusione del contratto.

Molto più classico il prestito personale Fidiamo che permette di richiedere fino ad un massimo di 30 mila euro (da un minimo di tremila euro), mentre Un1ka è invece stato introdotto per coloro che vogliono consolidare prestiti a rate, con l’obiettivo di rimborsarne uno unico solamente. In generale la durata parte dai 24 mesi fino alle 84 mensilità.

Vantaggi e svantaggi

L’aspetto meno positivo è senza dubbio l’impossibilità di poter accedere ai servizi online. Infatti per poter partire dal preventivo e compilazione della domanda di finanziamento, bisogna recarsi presso una delle agenzie, che compensano a questa limitazione con una distribuzione abbastanza capillare sull’intero territorio nazionale, e comunque nelle maggiori province.

Come vantaggi si hanno invece delle politiche di credito abbastanza accomodanti, almeno se paragonate a quanto adottato da altre finanziarie concorrenti.


Inserito nella categoria: Prestiti banche o finanziarie