Guida ai mutui giovani

Le giovani coppie negli ultimi anni sono state destinatarie di vari provvedimenti da parte del governo per aiutarle ad ottenere più facilmente un mutuo prima casa. Questi interventi sono diventati necessari per le difficoltà che mediamente un giovane incontra per ottenere il finanziamento che gli serve per acquistarsi la propria abitazione, specialmente se non ha un genitore o qualcun altro da presentare come garante. Tra i vari provvedimenti, che hanno seguito una costante evoluzione, si è arrivati oggi al plafond casa.

Giovani e mutui: perché è più difficile?

Quali sono le possibilità per un giovane di ottenere un mutuo per l’acquisto di una casa? Esistono fondi od agevolazioni? Con questa guida puoi scoprire tutto sui “mutui giovani”

I giovani fanno parte delle categorie considerate più a rischio, nell’ottica delle banche, in quanto non si trovano in una condizione di elevata capacità di risparmio, ed anche il loro “curriculum” creditizio non è ancora tale da poter dare prova di un grado di affidabilità medio o alto. Questo fa si che, al di là di alcune banche che in forza di particolari accordi prevedono dei servizi e delle tipologie di mutuo dedicate proprio ai giovani (tra le banche più attive ci sono intesa Sanpaolo e Unicredit per quanto riguarda i grandi gruppi bancari), le possibilità di acquistare una casa con le proprie forze (e l’aiuto di un mutuo) si riducono ai minimi termini.

Le caratteristiche dei mutui giovani

Indipendentemente da chi si impegna all’erogazione di un mutuo giovani, ciò che li caratterizza per essere tali sono:

  • Una durata non inferiore ai 25 anni (in molti casi si può arrivare anche a durate di 40 anni);

  • L’età dei richiedenti (sia in caso di singolo mutuatario, e sia se sono presenti uno o più coobbligati) non deve superare i 35 anni di età. Con il plafond casa c’è stato un ammorbidimento della rigidità di questo limite potendo sfruttare le agevolazioni anche se non si sono compiuti i 40 anni;

  • L’importo generalmente massimo che viene erogato non supera il 90% del valore dell’immobile o del suo prezzo di vendita (viene considerato come riferimento il valore inferiore). Con il plafond casa (al 13/10/2017) la percentuale di copertura del mutuo è di nuovo salita raggiungendo il classico mutuo 100 per cento;

  • L’immobile oggetto del mutuo (sia in caso di costruzione che per l’acquisto di un immobile già esistente) deve avere delle caratteristiche specifiche, quindi non superare determinate dimensioni, avere un certo grado di efficienza economica, e comunque non può mai rientrare nella categoria degli immobili di lusso;

  • L’esistenza di agevolazioni che possono riguardare i tassi massimi applicati, e l’eventuale eliminazione di alcuni costi legati alla gestione della pratica.

Le varie tipologie di mutui per giovani

Le banche tradizionali, solo in casi eccezionali prevedono spontaneamente l’esistenza di linee di prodotti o mutui dedicati proprio ai giovani, ai quali, al di là del nome attribuito al mutuo stesso, non sono così disposte a concedere ed applicare delle condizioni particolarmente vantaggiose. Il discorso però cambia nel caso dell’esistenza di accordi o convenzioni stipulati direttamente con i ministeri interessati o le singole regioni. Con questi accordi si tende inoltre ad aumentare le possibilità di ottenere dei mutui per l’acquisto, anche se sprovvisti di garanti. In modo schematico quindi possiamo fare la distinzione tra:

  • Plafond casa: il mutuo giovani non è il solo protagonista di questo nuovo fondo di garanzia, nato nel 2013 con una convenzione tra CDP e Abi, ma sicuramente è una delle soluzioni privilegiate. Trattandosi di un fondo di garanzia non c’è un’erogazione diretta del mutuo a chi lo richiede. Di contro si ha la garanzia a copertura del 50% della somma richiesta per finanziare l’acquisto o la ristrutturazione di un’abitazione principale. Il plafond casa prevede che le banche possano decidere di aderirvi liberamente, quindi per poterlo utilizzare è necessario rivolgersi a una delle banche ‘convenzionate’;
  • Linee mutui specificatamente dedicati da determinate banche: le agevolazioni sono limitate nella maggior parte dei casi dallo storno di alcune voci di costo, e alla soglia dell’importo massimo finanziabile dall’80% (soglia standard) al 90%, anche se normalmente vengono richieste polizze fidejussorie a garanzia. Sulle altre condizioni si rimane nella media dei tassi del mercato;

  • Mutui giovani in convenzione con le Regioni: i benefici sono legati a tassi garantiti mediamente più bassi, e le Regioni svolgono generalmente la funzione di “garanti” mediante l’istituzione di fondi specifici. Bisogna accettare delle limitazioni sulle caratteristiche dell’immobile, che come nel caso dei tassi agevolati, variano da Regione a Regione e da banca a banca (per informarsi bisogna rivolgersi agli uffici regionali di riferimento);

  • Mutui erogati dalle banche etiche: la percentuale coperta può arrivare anche al 100%, i tassi sono medio-bassi, ma anche in questo caso ci sono delle limitazioni sulle caratteristiche dell’immobile, mentre gli importi minimi ottenibili sono più alti rispetto a quelli di origine regionale;

  • Fondo giovani erogato dal ministero della gioventù: fino al suo esaurimento, i giovani che hanno determinati requisiti possono ottenere l’accesso a mutui da parte delle banche aderenti, purché i tassi di interesse e le caratteristiche dell’immobile stesso non superino determinati standard. L’importo del fondo e le caratteristiche richieste sono ovviamente soggette a variazioni, per cui per informarsi bisogna andare sul sito del Ministero della gioventù, e vedere quali sono quelle vigenti al momento.

Alcuni esempi di mutui giovani:

  • Le banche che prevedono una linea Domus giovani sono tutti gli istituti di credito aderenti al gruppo Intesa SanPaolo. Questa linea di mutui offre ad esempio la possibilità di sospendere contrattualmente per 12 mesi le rate (al di fuori degli accordi della moratoria tra Abi e associazioni dei consumatori) . Durata 30 anni e tassi medi. Presente anche un mutuo specifico per under 35 chiamato mutuo Giovani (anche 100 per 100) che offre un tasso interessante e la possibilità, detta Piano Base light, di pagare inizialmente solo interessi limitando così l’importo iniziale delle rate(dati sito ufficiale Banca Intesa – data 12/10/2017);

  • Banca etica propone differenti soluzioni a seconda che si voglia procedere con un mutuo fondiario o ipotecario. I tassi sono medio bassi e l’importo massimo erogato è di 500 mila euro. Restano escluse solo le abitazioni di lusso senza limitazioni di metratura, ma la durata massima prevista è di 25 anni. Più interessante il mutuo agevolato ‘Consapevole’ (in base al Decreto Ministeriale del 31/7/2014) che permette di richiedere fino 250000 in 30 anni. (dati sito ufficiale Banca Etica – data 13/10/2017).

  • Mutuo Plafond Casa Unicredit: può essere richiesto da coppie di giovani under 40 anni (almeno uno dei due deve avere però un’età compresa entro i 35 anni). Si può accedere all’agevolazione anche nel caso di un disabile con 104 o se si ha una famiglia con almeno 3 figli. Per la ristrutturazione l’importo massimo è di 100 mila euro mentre per l’acquisto fino a 250 mila euro. Durata massimo 10 anni per ristrutturazione e fino a 30 anni in caso di acquisto della prima casa (dati sito ufficiale Unicredit – data 12/10/2017).

Approfondimento: Mutui prima casa giovani coppie.


Inserito nella categoria: Mutui agevolati, Mutui giovani