Tassi e condizioni generali dei mutui Banca Popolare di Bari – Bpb

Le banche popolari godono di una reputazione, che, quando si tratta di scendere nel merito di mutui o prestiti, fanno presupporre la sussistenza di una certa convenienza. In questo quadro quindi il Mutuo Zero, molto spinto a livello promozionale, ed in generale la restante parte dell’offerta dei mutui di Banca Popolare di Bari, può sembrare molto conveniente. Vediamo nel dettaglio se questo è effettivamente vero e le caratteristiche principali.

Caratteristiche e tipologie di mutui

L’importo minimo finanziabile è di 40 mila euro, mentre quello massimo è di 300 mila euro. Può risultare interessante la possibilità di poter superare la soglia di finanziabilità dell’80%, arrivando fino al 100% (con l’aggiunta di garanzie considerate adatte, ed anche l’aumento dello spread applicato), e quella di poter optare per una sostituzione con liquidità aggiuntiva fino a 25 mila euro (al verificarsi di specifiche condizioni). Sul piano dello spread però bisogna fare molta attenzione, perché quelli più bassi (come quello pubblicizzato in Mutuo Zero) hanno grandi limitazioni, sia come durata che come Ltv. Le altre caratteristiche comuni ai vari mutui di Banca Popolare di Bari (oltre che la perizia), sono:

  • spese incasso rid di 5 euro;
  • spese di istruttoria da un minimo di 250 euro con 1% sull’importo richiesto;
  • invio delle comunicazioni a 1,60 euro.

Per quanto riguarda i tassi la scelta dovrà ricadere tra tasso fisso o variabile (indicizzato anche al tasso Bce ma con spread molto più elevati), con la possibilità di poter sfruttare le modalità che prevedono un periodo di preammortamento (fino a 24 mesi). In questo caso si ha il pagamento di una rata più bassa, ma che sconta il fatto di essere composta da soli interessi (per cui non è mai una soluzione veramente conveniente), oppure il tasso misto. L’unica vera novità è il già citato Mutuo Zero, che prevede un solo anno di preammortamento, ma con un tasso molto basso, e un pubblicizzato 0 spread per chi aderisce durante la promozione.

Conclusioni

L’offerta nel suo complesso non è molto interessante per quanto riguarda le possibilità di scelta effettivamente accessibili. Gli spread, su Ltv superiori al 50%, sono medio-elevati, così come avviene per le durate maggiori di 10 anni. Infatti non si deve mai dimenticare che nel calcolo del mutuo si deve guardare al Taeg nel suo complesso, e al tasso a regime, evitando potenziali rischi di cedere a tassi da imbocco che deviano dalle giuste valutazioni.


Inserito nella categoria: Mutuo Banca