Mutui con Banca Monte dei Paschi di Siena: spread, tassi e costi di gestione

La Banca Monte dei Paschi di Siena, per l’offerta del 2014, conferma la parte portante della gamma dei mutui, con uno spazio abbastanza ampio riservato proprio ai mutui per le famiglie e le giovani coppie.

Tuttavia mancano degli attesi ritorni, come il mutuo variabile con cap 5,50% dato che la scelta può ricadere solo sul mutuo a tasso variabile (indicizzato all’euribor o al tasso Bce) oppure sul fisso.

Panoramica dei mutui Mps

Come già accennato, oltre alle classiche tipologie che si rivolgono alla maggioranza dell’offerta retail (senza condizioni particolari), Mps si segnala per i mutui pensati per le famiglie e le giovani coppie.

Tra questi troviamo ad esempio il mutuo Mps Domani (legato soprattutto alle opere di ristrutturazione), il mutuo mps giovani coppie diamogli futuro (a tasso fisso o variabile) e il mutuo Mps giovani coppie e famiglie (a tasso variabile Bce). Tra le altre proposte di nicchia c’è anche il mutuo On Off pensato invece per coloro che hanno un lavoro atipico e che consente di usufruire della possibilità di sospendere le rate, per tre mesi consecutivi fino a un massimo di 4 volte (con pagamenti regolari e trascorsi almeno 24 mesi dall’inizio del piano di ammortamento).

La durata del piano di ammortamento va dai 10 anni ai 30 anni (tranne che per il mutuo On Off per il quale si parte dai 15 anni). Per la parte degli spread, se si usufruisce delle tipologie più particolari di mutui (ad esempio quello On Off o quello indicizzato al tasso Bce), bisogna farsi carico di percentuali ben al di sopra del 3% anche per le durate minime (ed anche per il tasso variabile ).

Invece risulta più conveniente la gamma “diamogli un futuro” dedicata proprio alle giovani coppie, dove si parte da percentuali pari all’1,20% per le durata di 10 anni fino ad un massimo di 1,50%.

Un occhio di riguardo ai costi anche per le giovani coppie sui mutui Mps

Mps ha riservato differenti tipologie di mutui alle giovani coppie, ma in alcuni casi, al di là del “nome del mutuo”, di veri vantaggi non se ne hanno molti. Se si hanno le condizioni richieste per l’accesso al mutuo Diamogli futuro (tra i quali un Isee non superiore ai 40 mila euro) vale la pena tentare questa strada, perché oltre ad usufruire di uno spread basso, si hanno sconti anche sui costi accessori come il dimezzamento della percentuale delle spese di istruttoria altrimenti fissate all’1% dell’importo richiesto.


Inserito nella categoria: Mutuo Banca